Calcio. la Boys Vairano (ex ASD Vairano Scalo) vince la finale play off ed accede alla Prima Categoria. Un miracolo sportivo senza precedenti

Maggio 30, 2016

VAIRANO – E’ stata un’annata sportiva spettacolare quella dei ragazzi di mister Scalera, un’annata iniziata con un raduno sul campo sportivo, con una rosa che veniva confermata dall’anno precedente. Fare il salto dal CSI alla categoria non è cosa assolutamente facile ma, quest’anno, il percorso è stato praticamente obbligato perché, a pochi giorni dall’inizio della preparazione il CSI Cassino, federazione in cui avevamo militato negli ultimi 10 anni, ci comunica che non potremo iscriverci più al campionato, “le squadre della campania non le vogliono”.

Quando andai al primo incontro sul campo c’erano più di 20 ragazzi, sorridenti ed entusiasti di iniziare la questa nuova avventura, la prima domanda che mi fecero fu: “ma allora quest’anno che campionato faremo?” – mi colsero di sorpresa ma io, risposi, faremo la Seconda Categoria.

Non avevo idea di perché avessi risposto in quel modo, non avevamo un titolo, e il budget previsto per la seconda era praticamente il DOPPIO di quello del CSI. Ma gli occhi felici di quei ragazzi mi avevano praticamente stregato.

E così in 2 giorni si corre avanti e in dietro tra Campania e Molise (che esiste, ve lo assicuriamo) con l’amico di tante battaglie sul prato verde Ciro Cecere (ora dirigente) e riusciamo a trovare un titolo, quello del Valle Agricola.

Inizia la preparazione, inizia il campionato e dopo un avvio che non faceva presagire nulla di buono, la guida tecnica della squadra viene affidata ad Andrea Scalera, già dirigente e fondatore di questa società.

La squadra prende coraggio e coscienza delle proprie qualità e comincia a macinare risultati, sono 11 utili consecutivi interrotti solo dalla sconfitta con il Fossaceca (che poi risulterà prima). Per tutta l’annata si combatte tra secondo e sesto posto, con dei passi falsi finali che, addirittura, compromettono il nostro cammino verso i play off che sembravano, all’inizio irraggiungibili.

E allora la battaglia finale, con l’orecchio alla radiolina, ascoltando il risultato del Castel Di Sangro, cercando di fare più gol possibili al Pietravairano e alla fine, per 3 gol fatti in più, a spuntarla per i Play-off siamo noi.

Il resto è storia, storia di 2 partite giocate col coltello fra i denti, storia di una rivincita sportiva di tutto un paese, storia i un ragazzo che ritorna da un grave infortunio e, demoralizzato perché segna poco, segna il gol più importante dell’anno, storia di un ragazzo di colore (ieri è stato insultato pesantemente dai tifosi, unica nota stonata di una giornata di sport bellissima) che pochi mesi fa arrivava con un viaggio della speranza nel nostro paese, storia di un giovane talento vairanese che segna una delle punizioni più belle che abbia mai visto davanti a chi lo aveva “messo da parte”. E storie intrecciate di tanti di loro, ognuna bella quanto le altre, perché Testa e Cuore sono stati componenti fondamentali di questo gruppo fin dall’inizio.

Una rivincita per chi, all’inizio dell’anno, aveva detto che non avevamo speranze in categoria.

E rivincita per me, che per anni sono stato coperto di fango dopo la mia uscita dall’altra società di Vairano. Avevo un conto in sospeso con il dio del Calcio, diciamo che ora mi ha restituito qualcosa. 

Ma adesso è il momento di festeggiare, insieme a tutta la squadra, insieme ad un paese intero che ci ha sostenuto emotivamente, insieme agli sponsor senza i quali nulla di tutto questo sarebbe stato possibile, insieme ai ragazzi che sono stati parte “centrale” di questo progetto dal budget basso ma dal GRANDISSIMO CUORE.

E grazie ai miei compagni di viaggio, a Ciro che ha macinato con me i km per dare la possibilità a questo gruppo, a Corrado che è sempre una guida importante per questo giovane gruppo, a mio fratello Andrea che è diventato l’allenatore/uomo che ho sempre saputo sarebbe diventato e, consentitemi, a mio padre, che mi ha cresciuto con l’idea (per molti assurda) che Vairano avesse la forza per affrontare e vincere un campionato di categoria con tutti ragazzi della zona. 

Una menzione speciale per i tifosi che ci hanno sostenuto durante tutto l’anno ma in particolare in questi ultimi scampoli di campionato. SIETE STATI MERAVIGLIOSI.

Non c’è molto da dire, perché ora il tempo dei ringraziamenti è finito, è tempo di festeggiare, siamo in Prima Categoria e questo, all’inizio, non era per niente scontato.

Vi voglio bene.

Il video con Highlights e interviste, articolo completo su teleaesse.it

(la Fotogallery)

Tag: , ,